Accesso Docente : Creare un account Collegarsi

Uno strumento digitale multidisciplinare,
interamente dedicato all'energia e alle sue sfide
presnetato da gdf suez

La finalissima: la sfida continua con la preparazione dei secondi!

10/nov/2015

La sfida live tra Milano e Rosignano è proseguita con la "staffetta" dei secondi e Rosignano ha presentato ai giurati la sua orata con composizione di verdure



Ingredienti:

- orata da 900g circa
- 2 rametti di rosmarino
- 1 bicchiere di vino bianco
- 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
- sale q.b.
- 2 spicchi di aglio
- 2 foglie di salvia
- pepe macinato,q.b.

Modalità di preparazione:

Pulire l'orata, e riempire il ventre con sale, pepe, aglio, salvia e rosmarino.
Irrorare d'olio una pirofila da forno e posare al centro l'orata.
Infornare l'orata a 180 C per circa 40 minuti (dipende dallo spessore del pesce).

Qualità ambientale della ricetta:

Tutti i prodotti inseriti sono a chilometro zero: provengono infatti o da negozi a
chilometro zero o, soprattutto, da nostri orti e giardini. Tutti i prodotti sono ‘di
stagione’ e nessuno proviene da serre. Non sono richiesti lavori di trasformazione
dall’orto, dal campo o dal mare alla cucina. Solo il sale e il pepe non sono prodotti
locali.

Consigli e/o eco-gesti per ridurre le emissioni della preparazione

I prodotti utilizzati sono tutti freschissimi e richiedono costi limitati per il trasposto (essendo a chilometro zero) e per la conservazione, dato che non
devono essere conservati per lungo tempo ma consumati entro pochissimi giorni dall’acquisto, che praticamente coincide con la produzione stessa.
Da sottolineare che tutte le erbe da cucina utilizzate sono di produzione nostra, cioè provengono da orti di alcuni studenti della nostra classe.
Chiaramente questo abbatte totalmente i costi di conservazione e trasporto.
Il consumo energetico maggiore rispetto ad altre portate solo per via dell’uso del forno, ma si tratta comunque di un piatto di estrema semplicità non tanto nella
preparazione quanto proprio nella concezione stessa del piatto, costituito di pochi
elementari ingredienti.
Inoltre essendo stati utilizzati prodotti freschi, non ci sono molti rifiuti da smaltire. La carta per l’imballaggio del pesce, di non notevole quantità, sarà riutilizzata per creare
compost da utilizzare negli orti da cui provengono alcuni dei prodotti. Molto prodotti vengono direttamente dagli orti di alcuni di noi, pertanto sono stati utilizzati cesti di
vimini e non contenitori da riciclare o gettare via.